giovedì 16 marzo 2017

mattino

Il tuo profumo axe homme s'incolla alle fibre del mio vestito
e ci rimane aggrappato, anche ore dopo
la fine dell'abbraccio

la curva felina del tuo occhio
stempera il gelo dell'iride
e il tuo sguardo arreso e tenero mi accoglie al mattino
con una domanda silenziosa, timida,
'rimarrai?'
e mi accoglie
come il profumo del caffé
come il tuo corpo biondo, quella peluria soffice dorata
e la luce pallida che l'attraversa

con te tutto scorre lievemente, senza ingorghi senza nodi senza dolori
una scodella di tenerezza e un bicchiere di risate leggere

tutto è maturo, nessuna scena madre nessun melodramma
t'inoltri nella vita con sensibilità e sicurezza:
rassicurante
senza essere noioso
e con delicata perseveranza coltivi queste radici in me
senza demordere

giorno dopo giorno
tenerezza dopo tenerezza
risata dopo risata

e mi ritrovo a guardarti con altrettanta tenerezza
a carezzarti la nuca finché il tuo respiro si fa pesante
e le membra cedono al sonno

e mi ritrovo a guardarti con una domanda silenziosa, timida
'rimarro'?'
e ti accolgo al mattino
come il profumo del caffé.

Nessun commento:

Posta un commento