venerdì 31 marzo 2017

stanotte ti ho sognato. la mia testa sul tuo petto, guardavo verso l'alto, e tutto quello che
vedevo erano i tuoi occhi, le tue ciglia nere petrolio, e quella voragine di dolcezza
lacerante, solo tua.

sono tua.

mi hai messo radici profonde e non so come fare.

non so come amarti senza ferire e rimanere me stessa
non so

prendermi cura di te senza diventare morfina.
allontanarmi senza lacerare.
avvicinarmi senza soffocare.

il mio corpo divaga e la tua corrente lo riprende
la mia mente s'imbarca, marinaio stagionale e poi si volta
e stringe il timone fino a sanguinare le nocche nel ricordo di te

e potrei tornare e ripartire ancora, e ancora, e ancora:
e ritrovarci ricucire il male col bene, con lo spago da cucina e i nostri singhiozzi
e gemiti
e tenerezza.

E' questo?
E' cosi' che succede?


Nessun commento:

Posta un commento